home » News » Molestie a Mestre donne importunate dagli immigrati
immigrati italia come colonia

Molestie a Mestre donne importunate dagli immigrati

Anche l’Italia come Colonia

Molestie a Mestre: una piaga per il nostro paese

Ormai siamo sommersi dagli immigrati, ma il vero problema è il loro comportamento. Scandaloso è a dir poco, continuano infatti a commettere atti violenti, sia sessualmente e sia fisicamente. Saccheggiando, violentando o palpeggiando le nostre donne italiane, soprattutto le utlime molestie a Mestre. Non hanno rispetto e noi non possiamo dormirci sopra. Vengono addirittura fermati i nostri figli, minacciati dalla domanda: “Sei cristiano o musulmano?”. Non è possibile vivere in questo modo. Alcune scuole come ben sapete, nel mese di dicembre, si rifiutavano di esporre il presepe, per non mancare di rispetto e di sensibilità nei confronti degli immigrati. Intanto però, loro questo problema non se lo pongono, continuano a derubarci, a infangare la nostra cultura, a violentare e infastidire le nostre donne. Deve per forza esserci uno STOP a tutto questo. Il Governo italiano dov’è? E’ a Quarto, intento a mettere in evidenza, anzi in cattiva luce il sindaco, e lo ha fatto per giorni e continua a farlo, ma dei veri problemi non se ne parla e non si affrontano mai. In questo video, mandato in onda a Quinta Colonna, potete vedere quanto grave sia la situazione nel nostro paese. Le donne vivono nel terrore, e non è possibile che tutto ciò diventa un incubo. Bisogna fare qualcosa, bisogna dare loro sicurezza e certezza. Manca poco ormai che l’Italia sia in minoranza come numero rispetto agli immigrati. Sembra un’assurdità ma se andate riflettendo, tanto assurdo non è!

Su lemontubetv

Siamo un gruppo di ragazzi appassionati per il mondo web in generale, dando una piccola priorità al mondo delle serie tv e del cinema. Amiamo moltissimo poi la tecnologia, e ovviamente siamo buon gustai, quindi ogni tanto in questo nostro blog magazine parleremo di qualche ricetta succulenta. Il nostro è un blog free, non siamo giornalisti ma amiamo tanto scrivere e condividere le nostre conoscenze.